Emilz's Blog – L'uccello che girava le viti del mondo incontra L'uomo pecora all'Hotel Dolphin

Per chi non ha voluto, o saputo, cogliere l'attimo e tuffarsi nell'ingranaggio, le strade che rimangono sono tutte un pò tortuose.

Tag: videogiochi

Emilz Nerdz, recensione Lotro

Eccolo qui il primo video del mio contenitore di YouTube, postate i vostri commenti e fatemi sapere quello che ne pensate, grazie a tutti per l’attenzione. Cya!

Annunci

Aion, una nuova esperienza

Sono arrivato al Level cap di Lotro, sto ancora terminando Mirkwood e le instance di Moria e dovrò iniziare gli Enedwaith con conseguente vol.III, ma il mio pensiero si sta rivolgendo già verso un altro mmorpg: Aion. Quando ho preso il primo rank negli Ettenmoors in Lotro, sto parlando del PvP, il meccanismo di gioco (rispetto al PvE) mi ha semplicemente intrigato di più. Per carità il lore di Lotro è semplicemente stupendo, ma voglio confrontarmi con un Mmo diverso, forse anche più difficile visto che si parla di fare molto grind.

Spero soltanto di non rimanere deluso, perché nei confronti di questo gioco coreano circolano voci piuttosto contrastanti.

Ricordo videoludico

Ci ho rigiocato dopo tantissimo tempo sull’Iphone, spettacolare, mi piacerebbe rigiocarci, magari emulandolo dal pc.

Curiosità (da wikipedia): Dragon’s Lair è stato uno dei primi laser-game. Il pregio di questi tipi di videogiochi era costituito da una grafica a cartone animato che, se paragonata agli standard del tempo (siamo nel 1983), risultava essere di estremo impatto visivo. Il grosso difetto era invece dovuto alla scarsissima giocabilità e libertà d’azione lasciata al videogiocatore. Il gioco consisteva nel muovere correttamente e nei tempi giusti il joystick o di premere il bottone della spada imparando a memoria le mosse di tutti gli scenari presenti nel gioco. Se il tempismo e la mossa erano corrette il laser disc procedeva con il filmato mostrando al videogiocatore i progressi compiuti dal protagonista (Dirk). In caso contrario il videogioco proponeva diversi filmati di morte in funzione dell’errata azione intrapresa.