Emilz's Blog – L'uccello che girava le viti del mondo incontra L'uomo pecora all'Hotel Dolphin

Per chi non ha voluto, o saputo, cogliere l'attimo e tuffarsi nell'ingranaggio, le strade che rimangono sono tutte un pò tortuose.

Tag: Game

Spelunky

Video gameplay. Fondamentalmente gioco.

Eve Online

Dopo aver provato Perpertuum, un sandbox molto carino sulla costruzione di Robot, tutto interfacciato in italiano, con un canone mensile davvero irrisorio di otto euro, non potevo non buttarmi su uno dei sandbox d’eccellenza che hanno fatto storia ormai da qualche anno. Si tratta proprio di Eve Online, un bel titolo fantascientifico, quindi altro che sandbox, qui siamo nell’universebox, vasto e infinito. La peculiarità di questo gioco, ma è molto presto per dirlo, sta proprio nell’immersione totale del pc nel cosmo. Un cosmo da un passato sanguinolento, segnato da guerre e catastrofi. Come potete notare dall’immagine (non è niente in realtà), la vastità degli elementi sullo schermo è tale da doverci dedicare parecchio tempo per capire come muoversi all’interno del sistema Eve. Il tutorial (espansivo) ti permette di capire tutte le dinamiche di movimento, ma anche di memorizzazione dell’interfaccia. E’ sicuramente un titolo da provare per chi è appassionato di giochi massivi online, vanta un constante aggiornamento del lore e di migliorie uniche nel suo genere.

 

 

Aion, primo impatto visivo

Primo meccanismo un pò faraginoso, per provare la trial serve un seriale mandato da chi già possiede la versione di gioco completa. La NCSOFT non ha un client classico che si può scaricare senza dover per forza conoscere qualcuno per testare il gioco. Vabbé, tramite conoscenze sul forum di MMORPG ITALIA sono riuscito a scaricare il client. Positivo invece il fatto della scelta del server, se quello North Americano o Europeo. Per Lotro invece se sbagli a scaricare il client americano devi per forza riscaricare quello Europeo. Tra l’altro è un trial molto breve, perché si hanno a disposizione due giorni o cinque ore consecutive. Mi sembra davvero poco per poter capire se un gioco del genere vale una spesa mensile o l’acquisto vero e proprio del game (intorno ai trenta euro).

Il video di presentazione non è poi così emozionante, anzi mi ha un pò tediato, per fortuna dura poco. Quando finisce il video preview si ha la possibilità di scegliere le classi e creare il proprio personaggio. Davvero tanti sono gli elementi di personalizzazione, quindi l’approccio iniziale mi sembra esaustivo e ben congegnato. Quando si entra nel gioco, il tutorial ti aiuta a segnalarti con prontezza le modalità di interfaccia, chi conosce i MMORPG sa già individuare i pulsanti principali.

L’aspetto delle skill in combattimento sono forse un pò troppo luccicose, anche il design di certi mostri mi ha fatto sorridere, troppo estremi, simil-cartoon. L’ambientazione non è male, ma mi sbilancerò meglio più avanti quando avrò la possibilità di testare l’impianto alare del mio personaggio. Già perché con la nuova espansione Assault of Balurea pare abbiano migliorato il volo dei pg.

Al momento, come primo impatto visivo, nel suo insieme, mi ha lasciato freddo, anche se è presto per chiudere il giudizio nei confronti di un MMORPG vasto e particolare come Aion.