Emilz's Blog – L'uccello che girava le viti del mondo incontra L'uomo pecora all'Hotel Dolphin

Per chi non ha voluto, o saputo, cogliere l'attimo e tuffarsi nell'ingranaggio, le strade che rimangono sono tutte un pò tortuose.

Categoria: Fumetti & Libri

Kong è morto

George R.R. Martin ha terminato A Dance with Dragons. Urrà!!

Annunci

Dylan Dog, il film

Non so quanto possa far bene a un personaggio del genere, snaturarlo di alcuni elementi che lo hanno reso celebre. Quando si pensa a Dylan Dog si ha in mente tutto un mondo specifico. Londra, Groucho, il maggiolone, le donne. Probabilmente le donne e il maggiolone le ritroveremo, ma Londra e Groucho no. Una scelta sicuramente dolorosa, soprattutto per i fan.

Lilith, il viaggio prosegue

 

 

Lilith, il fronte di pietra

Terzo albo ambientato all’interno del primo conflitto mondiale. Il plot è molto simile agli altri due albi usciti in precedenza, cambia sostanzialmente l’arco temporale, l’unica costante: le tragedie, le guerre e i morti ammazzati. C’è un filino di retorica, ma a Luca lo perdoniamo perché comunque il livello qualitativo dell’intera storia è più che sufficiente. Belli, invece i ricordi legati all’addestramento della “guerriera”, penso che nei prossimi anni, quando la storia inizierà a prendere una piega diversa, tutto il meccanismo (della ricerca del Triacanto) verrà un pò meno, in difesa di altre situazioni a noi ancora poco note e forse più convincenti dal punto di vista passionale.

Greystorm, Caravan e un giro al Fnac

Il secondo albo di Greystorm “Il gigante dei cieli” ha confermato la mia delusione, pessimo sotto tutti i punti di vista (a parte i disegni). Quindi penso proprio che non ne comprerò altri.

La situazione di Caravan non è brillante, ancora un altro albo incentrato sul passato (seppur più interessante degli altri, qui c’è anche una velata critica all’italia degli anni ’70). Quello che mi preoccupa sono i personaggi, davvero troppo stereotipati e non si perde mai occasione per aggiungere altri clichè.

Ieri sono andato al Fnac, reparto fumetti, ho sfogliato Eisner, Miyazaki (belli i volumi di Nausicaa), altri autori meno conosciuti, beh, siamo lontani anni luce dal meccanismo Bonelliano, ormai davvero “ingabbiato” nella riproposizione di personaggi scontati ma soprattutto senz’anima.