Manoj N. Shyamalan un regista in declino?

di emilz

E’ innegabile, negli ultimi cinque anni, il regista indiano trapiantato a Philadelphia ha sfornato una cacatella dopo l’altra, Lady in the Water, E venne il giorno e L’ultimo dominatore dell’aria, filmetti davvero lontani dalla potenza visiva (e non solo) di The Village, Unbreakable e Il sesto senso. Un declino da imputare, io credo, al tentativo di togliersi di dosso alcune etichette fastidiose, con la speranza (nel frattempo) di perlustrare nuovi generi. Escamotage boomerang perché i generi vanno affrontati costruendo dei personaggi forti, magnetici, a prescindere dal contesto e dalle situazioni in cui si vanno a collocare. Prendiamo per esempio il professore di scienze interpretato dallo statico Mark Whalberg. Cos’ha da dire un personaggio del genere di fronte a una catastrofe naturale? Dovrebbe poter dire molto, ma è proprio l’accoppiata [catastrofe naturale + professore di scienze] a non offrire grandi spunti originali. Ma la cosa peggiore dell’intero film è la crisi di coppia tra lui e la moglie, riconquistata in un finale a sorpresa (neanche per niente, i finali a sorpresa Shyamaliani hanno smesso di esistere dopo The Village, già con Signs iniziavano a scricchiolare un pochettino). E’ proprio la voglia di ripetere i successi di un tempo che hanno portato lo Shyamalan di adesso a commettere errori di scrittura pazzeschi. Questa necessità di sorprendere sempre con gli stessi stilemi ha contorto la creatività del regista, impantanata nel: ” e adesso che cavolo mi invento?”. Mettere un critico all’interno del proprio film (Lady in the Water) e fargli fare un monologo contro la critica non è proprio la definizione di scrittura libera dalle influenze esterne. Per non parlare del botto fatto con quella mezza specie di fantasy.

Come risollevarsi da una pesante situazione di decadenza sia di pubblico che di effettiva qualità dei propri film? Ma è ovvio, cercare una persona di talento disposta a fare un film anche producendolo. Shyamalan ha trovato Will Smith e il figlio Jaden (Karate Kid), li catapulterà in un mondo futuristico, probabilmente saranno soli (I’m legend 2 alla vendetta) in un pianeta desolato, ma si renderanno conto che poi tanto soli non sono e quindi scapperanno da eventuali minacce* (*zombie? Mostri? Licantropi? Vampiri? Boh, quel che sarà sarà). Per lo meno al botteghino non avrà problemi. Sic!

Annunci