Il Signore degli Anelli Online, “Le ombre di Angmar”

di emilz

L’anno scorso mi sono permesso di comprare una chicca videoludica, un bel MMPORG ambientato nella “Terra di Mezzo”. La versione era Gold Edition, come extra mi davano: cavallo o pony di Brea, ferro di cavallo ( +5 di destino), candela aromatica (+1 di speranza) e un bellissimo zerbino per la porta di casa. 

Non vi dico in che brodo di giuggiole ero, purtroppo la mia esperienza con questo gioco non è stata molto esaltante dal punto di vista grafico, ho ancora un pentium 4, quelli con la manovella, quindi abbassai di parecchio la qualità grafica. Il gioco tra l’altro supporta anche la directx 10, chi ha un bel pcgamer può senz’altro trarne il massimo.

Iniziai a giocare entusiasta (dopo parecchie ore di aggiornamento software – davvero mastodontico), ero un bel nano degli Ered Luin. Gioco immenso, ore e ore di quest e sottomissioni. Classi e armamenti da infoltire, da creare, da sviluppare. Ci sono hobby (pesca, caccia), mansioni e tante altre chicche nascoste qua e là.

Nel giro di tre mesi ero arrivato intorno al quindicesimo livello (si può arrivare fino al cinquanta), stavo sviluppando l’arte dei minatori e avevo trovato anche una fratellanza italiana.

Purtroppo però il gioco ha un costo mensile davvero esoso, 35 euro. Come al solito ero in un periodaccio lavorativo, perciò persi tutto. Uno strazio!

Qualche mese fa è uscito un nuovo aggiornamento del gioco: “Le miniere di Moria”, chilometri e chilometri di tunnel, di altre centinaia di quest, altri tipi di personaggi e lavori, oggetti e quant’altro, davvero un bel gioco, forse uno dei migliori MMPORG (insieme a Warhammer) mai creati, sia per completezza che per longevità. Tralasciando i due difettini non da poco (non esiste una versione italiana, neanche sottotitolata) e il costo mensile (quasi un altro abbonamento a internet).

Annunci